Silvio Ramat, fiorentino, è professore emerito di letteratura italiana contemporanea nell’università di Padova. Ha riunito nel 2006 per Interlinea nel volume Tutte le poesie 1958-2005 raccolte apparse via via presso editori come Scheiwiller e Guanda, Mondadori e Garzanti, Marsilio e Crocetti, San Marco dei Giustiniani e Jaca Book. Fra i titoli successivi: Il Canzoniere dell’amico espatriato (viennepierre 2009; Nomos 2012), Banchi di prova (Marsilio 2011), La buona fede. Memoria e letteratura (Moretti & Vitali 2011), La dirimpettaia e altri affanni (Mondadori 2013), Elis Island (Mondadori 2015). Del 2015 è la nuova edizione accresciuta di Mia madre un secolo (Marsilio). Presso Crocetti sono usciti nel 2017 Fuori stagione, nel 2019 In cuor vostro e altri versi, mentre è del 2018 Corre voce (Stampa 2009). La sua attività di critico, premiata nel 2001 dall’Accademia dei Lincei, comprende indagini sulle maggiori correnti e personalità del secolo XX e varie edizioni fra le quali (per Mondadori) Tutte le poesie di Alfonso Gatto, le Lettere a Bruna di Giuseppe Ungaretti e i Racconti di Leonardo Sinisgalli. Degli studi più recenti, oltre ai due pubblicati dalla Helicon (Questa terra toscana, 2014, e Una moneta perduta ovvero Le belle età dei carteggi, 2018), si citano: I passi della poesia (Interlinea 2002), Il lungo amore del secolo breve (Cesati 2010), Citando e recitando (Le Càriti 2012), Lungo le bianche strade provinciali (Il Ponte del Sale 2013), “Sia grazia essere qui”. Intorno a Mario Luzi (Le Càriti 2014).

8,00 € cad. 40 poesie
Ramat Silvio
15,00 € cad. Questa terra toscana
Ramat Silvio