Dal mio segreto canto

53
7,00 € cad. Larghezza prodotto: 200 mm
Lunghezza prodotto: 140 mm
Altezza prodotto: 10 mm
Autore: Repetto PellegrinaRepetto Pellegrina

Questa singolare poesia, che sarebbe limitativo e generico definire soltanto "religiosa", e che esalta fino a un imprevedibile colloquio con se stessa, e con la propria anima, uno strano anelito e ansia di profonda conoscenza e purificazione, abbisogna inizialmente di una sorta di antefatto e di una chiarificazione. L'antefatto si riferisce alla precedente produzione poetica della Repetto, che arriva fino alla prima stampa delle poesie di Oltre il promontorio del 1997(molte di queste poesie ricompaiono nel successivo Approdo del febbraio del 2000): qui troviamo subito un'indicazione precisa, che dà un carattere fondamentale alla poesia della Repetto, il ricordo: "Memoria ti prego, /apri benevola / il tuo scrigno. / Mostrami l'opalescente sfavillio / dei tuoi ori /.../ sepolti negli anfratti segreti". La memoria è quella rivolta all'infanzia, ovviamente, e richiede il silenzio, la notte, anzi l'ora notturna "che di poco precede I il nascere del giorno", quando nella vecchia casa, / dove si odono voci e sussurri di un passato di fantasmi (perché era occupata una volta da una comunità di suore"), "il passato riemerge dalla sua remota lontananza".
Neuro Bonifazi